Elogio dei piedi - Club dei NatiScalzi

Dal 1999 ... il primo sito in Italia sul barefooting gestito da barefooters
Club dei NatiScalzi
Organo del
Vai ai contenuti

Menu principale:

Elogio dei piedi

Scalzi? Sì!
Leonardo da Vinci, che un po' se ne intendeva, definì il piede "opera d'arte, un capolavoro di ingegneria”. 26 ossa, tendini, muscoli  e legamenti formano una architettura perfetta che consente di alternare rigidità e flessibilità ad ogni passo. Gli archi plantari contribuiscono infatti ad ammortizzare l'impatto del piede sul terreno, sostengono il peso del corpo lungo la pianta e fungono da molle per farlo avanzare. La pelle della pianta del piede è sensibile, robusta ed in grado di rinnovarsi di continuo: è ricca di ghiandole sudoripare che svolgono un ruolo fondamentale nella termoregolazione dell'intero corpo.

Ci hanno dato due opere d'arte, belle e funzionali: e le teniamo inscatolate da tanto tempo che non ce ne ricordiamo quasi più...  

Perché sono lontani dalla testa.
Perché conoscono il suolo, le spine, i serpenti, l’aspro e lo sdrucciolo.
Perché sono tutto l’equilibrio.
Perché sono la superficie che spetta quando si sta in una folla e si sopporta un gomito altrui in una costola, un braccio sotto al naso, una cartella nell’addome, ma non si permette a nessuno di calpestarceli.
Perché sono il minimo e inviolabile confine.
Perché reggono l’intero peso.
Perché sanno tenersi su appoggi e appigli minimi.
Perché sanno correre sugli scogli e neanche i cavalli lo sanno fare.
Perché portano via.
Perché sono la parte più prigioniera di un corpo incarcerato.
E chi esce dopo molti anni deve imparare di nuovo a camminare in linea retta.
Perché sanno saltare, e non è colpa loro se più in alto nello scheletro non ci sono ali.
Perché scalzi sono belli.
Perché sanno piantarsi nel mezzo delle strade come muli e fare una siepe davanti al cancello di una fabbrica.
Perché sanno giocare con la palla e sanno nuotare.
Perché per qualche popolo pratico erano unità di misura.
Perché quelli di donna facevano friggere i versi di Puskin.
Perché gli antichi li amavano e per prima cura di ospitalità li lavavano al viandante.
Perché sanno pregare dondolandosi davanti a un muro o ripiegati indietro da un inginocchiatoio.
Perché mai capirò come fanno a correre contando su un appoggio solo.
Perché sono allegri e sanno ballare il meraviglioso tango, il croccante tip tap, la ruffiana tarantella.
Perché non sanno accusare e non impugnano armi.
Perché sono stati crocefissi.
Perché anche quando si vorrebbe assestarli nel sedere a qualcuno, viene scrupolo che il bersaglio non meriti l’appoggio.
Perché come le capre amano il sale.
Perché non hanno fretta di nascere, però poi quando arriva il punto di morire scalciano in nome del corpo contro la morte.

Elogio dei piedi (Erri de Luca)


Club dei NatiScalzi
Torna ai contenuti | Torna al menu