Corni di Canzo - Club dei NatiScalzi

Dal 1999 ... il primo sito in Italia sul barefooting gestito da barefooters
Club dei NatiScalzi
Organo del
Vai ai contenuti

Menu principale:

Corni di Canzo

Scalzi? Sì! > Livello 43
Lunghezza12,70 km
Gamma altitudini473 m - 1.333 m
Difficoltà percorsoFamiglieTuristicoEscursionistico
ScalzabilitàMorbidoPiacevoleStimolante
Autore:Andrea (Geco)
Data:23/08/2021
Come arrivare

Da Milano: con il treno delle ferrovie nord da Cadorna a Canzo (per raggiungere a piedi il punto di partenza situato a Fonti di Gajum si impiegano circa 30').
In
auto da Milano prendere la statale che va a Lecco e seguire le indicazioni per Erba - Canzo. Arrivati a Canzo parcheggiare in località Fonti di Gajum o nei parcheggi presenti a Canzo.
 

 

I luoghi

I Corni di Canzo sono 3 cime (più visibili 2, Occidentale - Centrale,  Orientale (meno evidente)) molto conosciute e frequentate dagli escursionisti milanesi e si trovano nel così detto triandolo Lariano, vale a dire quel lembo di terra che separa i rami del lago di Como tra Lecco e Como. Il periodo consigliato per questa escursione è la primavera e l'autunno in quanto in inverno si può trovare neve o ghiaccio, soprattutto nel versante a nord dove c'è il rifugio SEV, mentre in estate è piuttosto caldo. Il percoro può essere allungato o accorciato a piacere visti i numerosi sentieri presenti.

Il percorso

Da Gajum 482m (possibile fare acqua) seguire a destra la mulattiera acciottolata indicazioni 'sentiero geologico' N°2. Tralasciare un primo bivio a destra n°7 proseguire sino ad un secondo bivio, abbandonare il sentiero 2 che porta a Terzalpe, prendere a desra sentiero n°6 che porta alla chiesetta di San Miro al Monte 606m. Proseguire sul sentiero n°6. Arrivati ad un trivio a 1096m Alpe Alto proseguire a sinistra sul sentiero 6. Poco dopo seguire il bivio a destra sentiero n°5 sino alla Colma. Proseguire a sinistra sul sentiero 5 sino a raggiungere la forcella dei Corni 1300m situata tra il Corno Occidentale e il Corno Centrale. Scendere e poi svoltare a destra raggiungendo il rifugio SEV 1239m 3h dal parcheggio. Da qui si prende una strada facendo attenzione ai bivi non molto chiari e poco dopo prendere a sinistra e poi a destra il sentiero n 5 che nel bosco (1a Alpe Canzo). Dopo un po' si passa da una fontanella dove si può bere e rinfrescare i piedi. Ai bivi proseguire sempre dritto scendendo sino ad arrivare alla mulattiera poco prima della località 1a Alpe. Da cui si scende per mulattiera acciottolata sino a Gajum. Tempi indicativi: 2h dal rifugio SEV 5h totali.  

Sensazioni scalze

Alcuni tratti sono piuttosto sassosi. Altri, su strada acciottolata e nel bosco, più facili e piacevoli. E' sempre bene avere con sè almeno dei sandali da trekking o scarpe da trekking. Se si inizia a sentire dolore o fastidio si consiglia di usare le calzature (non è una gara a chi riesce a fare tutto il percorso scalzo, lo scopo è di trarre piacere!). Molto consigliati bastoncini soprattutto in discesa. Il posto merita comunque di essere visto anche se si facesse l'escursione prevalentemente calzati e si può riprovare una volta che i piedi sono più allenati.


Club dei NatiScalzi
Torna ai contenuti | Torna al menu