2011 Vienna - Club dei NatiScalzi

Dal 1999 ... il primo sito in Italia sul barefooting gestito da barefooters
Club dei NatiScalzi
Organo del
Vai ai contenuti

Menu principale:

2011 Vienna

Il Club > Livello 2 > Livello 3
Vienna, venerdì 15 -17 aprile

E alla fine è decollato...ma purtroppo anche già finito! Memorabile il week end dei maratoneti del team "nati scalzi" a Vienna....i nostri atleti sono stati a dir poco meravigliosi! Ma andiamo con ordine. Il ritrovo è all'aeroporto di Vienna nella serata di venerdì 15 aprile. Arrivo prima io con un volo da Roma mentre Andrea77 e Pino sono in arrivo poco dopo con altro volo da Milano (...Giorgio/Nonsolosolo purtroppo non è arrivato....ma non sa cosa si è perso!!!). Puntualità perfetta di entrambi i voli e dunque via tutti insieme verso l'hotel in una serata fredda e ventosa, ma il primo a scalzarsi stoicamente è come al solito Andrea che sale sul treno che ci porta in città già a piedi nudi. Arrivo in hotel e veloce cena in un ristorante nelle vicinanze visto che si era fatto abbastanza tardi e la fame e la stanchezza cominciavano a farsi sentire. A fine cena ecco che inaspettatamente e un po' trafelato ci raggiunge scalzo anche Christian (hadashi) testè giunto a Vienna con la sua simpatica moglie dopo un lungo viaggio in auto da Udine. Giusto il tempo per offrigli un veloce caffè e via tutti a dormire. L'indomani ci devono raggiungere Guido (Elan) insieme alla sua compagna per completare il nostro bel gruppetto. Ed infatti puntualissimi eccoli arrivare in volo da Firenze. Il nostro nutrito gruppo è finalmente al completo e via in metro verso la fiera per il ritiro delle pettorine numerate per la staffetta della maratona della domenica successiva. Espletata questa formalità ci dirigiamo tutti e cinque scalzi (tranne le gentili consorti che restano calzate) verso il Prater. Lunga passeggiata attraverso giochi ed attrazioni tra le più vertiginose e disparate del famoso parco di divertimenti e piacevole sosta all'aperto in un simpatico ristorante per la degustazione di tipiche specialità viennesi accompagnate da ridondanti calici di birra. Il tempo è nuvoloso e fresco ma la pioggia ci viene risparmiata! Nel pomeriggio fa capolino il sole e bel giro in centro città, il duomo e la piazza di Santo Stefano, le famose isole pedonali costellate di bar e pasticcerie che fanno girare la testa per la varietà dei loro famosi dolci (torta Sacher compresa....!), l'Hofburg, il teatro dell'Opera e così via. La vista dei nostri piedi nudi resta abbastanza indifferente ai più anche se qualche commento o sguardo stranito non ci vengono risparmiati nemmeno nella - per così dire .- barefootfriendly Vienna, ma di altri scalzi nemmeno l' ombra...forse la stagione è ancora poco matura! Le strade comunque sono molto pulite (...assolutamente nemmeno una cacchina di cane in terra...!!!!!) e facilmente percorribili dalle nostre piante. L'indomani per i nostri atleti (Andrea, Pino, Christian e Guido) è il fatidico giorno della loro prova e l'agitazione comincia a serpeggiare nei loro animi. Mattino dopo.... giornata di sole bellissimo e caldo...tutti e quattro i nostri maratoneti scalzi (indossate le rosse magliette ufficiali del Club dei NatiScalzi) sono finalmente pronti e Guido (che dice di non essere particolarmente allenato e neanche particolarmente giovane anche se in realtà ha l'aspetto di un ragazzino simpaticissimo e birichino!!) sembra decisamente il più emozionato. Il primo a partire è l'atletico Christian che deve farsi la prima parte di ben 16 km, e mentre io, Guido e Fulvia lo attendiamo al primo traguardo...arrivano i primi atleti agonisti (quasi tutti negri) seguiti da altri biondi marcantoni nordici che corrono come saette grondando litri di sudore.. ma ecco che poi arriva anche il nostro favoloso Christian in forma smagliante e quasi nemmeno sudato (le piante dei piedi perfette...anche se ultranere... hanno retto benissimo, splendida prova !) Parte Guido ultraemozionato per un tratto più breve (6 km) che raggiungiamo poi con Andrea che deve dargli il cambio alla prossima tappa.Arriviamo, io Andrea e Fulvia trafelati tra una metropolitana e l'altra e... guarda guarda, contro ogni aspettativa Guido è già arrivato e cerca disperatamente Andrea per dargli il cambio. E' felice e raggiante come un bambino, ha superato la prova brillantemente come nemmeno lui immaginava ed è felice..... un grandissimo bravo al nostro Guido! La folla aumenta come pure i corridori fa caldo e l'entusiasmo è alle stelle. Parte Andrea e anche lui dopo 9 km dà il cambio a Pino che ritroviamo all'ultima tappa mentre si sta scaldando balzellando come un grillo su un verde prato. Ultima tappa felicemente superata sia da Andrea (solo una piccola vescica su un dito del piede) che da Pino nonostante la sua non giovanissima età ma con uno spirito da leone! E bravi ragazzi....complimenti vivissimi.....siete stati veramente grandi, meglio di così non potevate fare! Raggiungiamo il traguardo, la folla è immensa, tutte le strade di Vienna sono bloccate per far passare i maratoneti, i nostri favolosi quattro atleti si riuniscono e tagliano il traguardo insieme con le stesse magliette...e tutti scalzi! Io e Fulvia li vediamo correre veloci verso l'arrivo, lei scatta come può una foto istantanea....speriamo che sia riuscita! La maratona è finita....il caos pazzesco...più di 20 mila iscritti! Non so come ma io, Fulvia e la moglie di Christian riusciamo a ritrovarli...veramente un miracolo in quella calca! Ma manca all'appello Guido...accidenti si è perso...ma dove lo ritroviamo in quel casino infernale? I cellulari non funzionano e Fulvia è in ansia pensandolo in giro solo, smarrito, scalzo in maglietta e pantaloncini e basta in quella folla indescrivibile! Ma non è finita...si perdono le tracce anche di Christian e Pino... panico totale...con miracoloso finale del ritrovamento di tutti seduti in un bar davanti al duomo di Santo Stefano a gustarci una favolosa Sacher con panna! Purtroppo il nostro eccitante weekend podistico viennese sta per finire, ci attendono i nostri voli di ritorno... grazie ai nostri atleti scalzi (gli unici...no forse solo uno avvistato da Christian), in compenso a fine gara tanti corridori che, toltisi le puzzose scarpe da corsa, vagavano a piedi nudi con aria smarrita e dolorante per le loro estremità distrutte e sanguinanti per le vesciche (....ma finalmente scalzi anche loro..!!!) Grazie agli amici per il bellissimo weekend trascorso in loro compagnia e speriamo di organizzarne altri....alla prossima!

Paolo Fratter
Club dei NatiScalzi
Torna ai contenuti | Torna al menu